Seguici
Ristoranti & pasti

Ricette Natalizie Italiane: la Tradizione a Tavola

domenica, 29 dicembre 2013

Sei alla ricerca di un menu per i giorni di festa che metta d’accordo grandi e piccini e che crei un’atmosfera conviviale intorno alla tavola? Ecco tre ricette semplici e veloci da preparare nel rispetto delle tradizioni culinarie che hanno reso celebre la cucina italiana in tutto il mondo!

Ricette natalizie italiane(foto originale: Festival della Scienza)

La pasta fatta in casa
Si inizia con un piatto leggero ed estremamente gustoso: i cappelletti in brodo fatti in casa. Basta unire a 400 grammi di farina quattro uova, un pizzico di sale e un cucchiaio d’olio. Iniziare a lavorare la pasta fino ad ottenere un impasto liscio e consistente, che va fatto riposare per trenta minuti coperto da pellicola trasparente. Per il ripieno portare a cottura 100 grammi di lombo di maiale, che andrà tritato nel mixer insieme a 100 grammi di prosciutto crudo e a 100 grammi di mortadella e poi miscelare il tutto con un uovo, 150 grammi di parmigiano reggiano grattugiato, sale, pepe e un pizzico di noce moscata. Riprendere l’impasto e con una rotella tagliapasta ritagliare dei quadrati al centro dei quali va posto il ripieno; piegare in due la pasta a triangolo ed unire le estremità. In una pentola d’acqua fredda, inserire due coste di sedano, una cipolla, una carota, una foglia d’alloro, un cucchiaio di sale, 500 grammi di carne di manzo e 400 grammi di carne di vitello. Fare cuocere lentamente per tre ore; filtrare il brodo, lasciarlo raffreddare e tuffarvi i cappelletti che devono cuocere per dieci minuti.

Un secondo piatto benaugurante
Si prosegue con un piatto ricco di proteine, molto saporito e, secondo la tradizione, di buon auspicio per il nuovo anno: le lenticchie gustose agli aromi. Fare soffriggere con un po’ d’olio una cipolla; aggiungere progressivamente due foglie d’alloro, cinque bacche di ginepro e quattro chiodi di garofano. Incorporare 100 grammi di pancetta affumicata tagliata a cubetti e, quando la cipolla è dorata, aggiungere 500 grammi di lenticchie che andranno ammorbidite con un goccio di vino rosso e un litro di brodo vegetale. Lasciare cuocere per circa 50 minuti e servire i legumi ben caldi.

Il dolce tipico di Verona
E per chiudere in dolcezza, sulla tavola non può mancare il pandoro. Amalgamare 250 grammi di farina, le scorze di un arancio, 100 grammi di zucchero, un pizzico di sale, una bustina di lievito, un quarto di litro di latte intero tiepido, un cucchiaino di essenza di vaniglia, 120 grammi di burro sciolto a bagnomaria, cinque tuorli e cinque albumi precedentemente montati a neve. Continuare ad impastare finché non si sarà formato un composto compatto che andrà lasciato lievitare per due ore in un luogo caldo. Terminata la lievitazione, versare il composto in uno stampo e lasciare lievitare per altre tre ore. Infornare a 180 gradi e far cuocere per 50 minuti.
E se desideri assaggiare l’autentico pandoro di Verona, la cui ricetta tipica ed originale è custodita con cura dai maestri pasticceri della città, la selezione di hotel a Verona che trovi su Venere.com ti consentirà di trovare la migliore sistemazione nella città dell’Arena, di Romeo e Giulietta e ….del delizioso pandoro!

Verona, con i suoi monumenti, con il suo patrimonio storico-culturale e con le sue specialità gastronomiche ti aspetta!

Tags: 

Condividi questo articolo:



Lascia un commento

 (obbligatorio)
 (non sarà pubblicata) (obbligatorio)

Perché te lo chiediamo?

destinazione