Seguici
Curiosità

Colosseo: grandi pulizie!

mercoledì, 30 luglio 2014

Come si fa a non diventare poetici e perfino un po’ sdolcinati quando si parla del Colosseo? Sono cresciuta a Roma, e il Colosseo “è” Roma!

A volte i romani se ne dimenticano, quasi non lo guardano più mentre vanno a lavoro al mattino, tanto sono abituati ad averlo davanti agli occhi… Ma ogni tanto tornano a scoprirlo: ci sono delle occasioni speciali che lo rimettono sotto i riflettori, e lui torna a essere, senza farsi pregare, la superstar della città.

Concerti e avvenimenti sotto le stelle
Ad esempio, dovete sapere che di tanto in tanto il Colosseo ospita delle mostre o dei concerti speciali: immaginate di passeggiare al suo interno e godere di una mostra interessante, di prendere parte all’annuale via Crucis o di assistere a esibizioni di artisti di fama internazionale come la stella della danza Roberto Bolle, circondati dalle antiche mura e sotto un cielo di stelle. Davvero molto molto emozionante, non credete?

I restauri e le… “grandi pulizie”
Ancora, i romani festeggiano il Colosseo quando, a intervalli più o meno regolari, esso viene riportato agli antichi fasti grazie ad opere di restauro e consolidamento. Infatti, se è vero che adesso l’antico anfiteatro è un po’ più protetto dallo smog e dal traffico, ormai tenuti a distanza di sicurezza, in passato (e i nostri nonni certamente se ne ricordano ancora) si poteva guidare a pochi centimetri dalle mura. Immaginate quindi i danni e lo sporco accumulati nel tempo. Adesso sembra incredibile, ma fino agli anni Cinquanta era del tutto normale girare in auto intorno al Colosseo, e perfino parcheggiarci davanti…!

Lavori in corso
Così, di tanto in tanto l’Anfiteatro Flavio ha bisogno di una pulizia delicata ma approfondita. Si tratta solo di sopportare i ponteggi per qualche mese, e subito la differenza tra il prima e il dopo salta all’occhio, specie perché i lavori si svolgono su una sezione di monumento alla volta. Restauratori e operai lavorano con un getto di acqua nebulizzata, che ammorbidisce e rimuove i depositi di smog e impurità, e rifiniscono il lavoro usando persino… spazzolini da denti. Questo sì che è un lavoro che richiede tanta pazienza!

Prima… e dopo
Certo, il Colosseo prima della pulizia è comunque maestoso e immenso, ma sembra un vecchio attore un po’ imbolsito e appesantito! Le arcate diventano giorno dopo giorno nere e polverose, specie quelle del livello più vicino alla strada e al traffico, che rimangono scure e macchiate perfino sotto il sole battente. Insomma, così non va per niente bene!

A lavori ultimati, il Colosseo svela invece un’infinita varietà di sfumature: i marmi brillano di nuovo, e non sono solo candidi, come forse ci si aspetterebbe: le sfumature rosa, miele, avorio e ocra, che rimangono nascoste sotto la patina scura dello smog e della polvere, risaltano all’improvviso contro il cielo azzurrissimo di Roma.

Quindi, pronti con le macchinette fotografiche! Non vorrete mica perdere l’occasione di scattare un selfie spettacolare?!

Condividi questo articolo:


Informazioni sull'autore

Venere Travel Blog writer lea

Lea vive a Roma, ma la sua famiglia d’origine è un grande melting pot. Il suo trolley rosso è sempre pronto per qualche nuova avventura! Ama i libri “di carta” e perciò gli e-books le stanno proprio antipatici. Nel tempo libero ama imparare qualche piccolo gioco di prestigio. Sogna di avere una moto tutta per sé.Google+


Lascia un commento

 (obbligatorio)
 (non sarà pubblicata) (obbligatorio)

Perché te lo chiediamo?

destinazione