Seguici
Di Lusso

5 gallerie d’arte a Pechino

lunedì, 4 aprile 2011

Se non siete dei veri intenditori d’arte forse non sapete che l’arte contemporanea cinese ha riscontrato un grande successo negli ultimi anni. Le opere di artisti cinesi contemporanei come Zeng Fanzhi, Yue Minjun e Liao Chi Chi’un sono state vendute a prezzi record nelle aste organizzate da Christie’s e Sotheby’s. Tuttavia, questo interesse nell’arte contemporanea è un fenomeno piuttosto recente in Cina, poiché durante la rivoluzione culturale cinese negli anni ‘60 e’ 70 il collezionismo di opere d’arte era guardato con sospetto e considerato un’attività da borghesi. Questo approccio alle collezioni d’arte è cambiato radicalmente negli ultimi 20 anni con l’avvento delle riforme economiche in Cina.

Pecchino

Tali riforme hanno avvantaggiato notevolmente l’economia cinese, consentendo ad una nuova generazione di ricchi collezionisti cinesi di acquistare ogni tipo di opera d’arte, dai quadri alle antiche stampe e sculture. Ne risulta un’ampia diffusione delle gallerie d’arte e delle case d’aste in tutta la Cina, sebbene gran parte dell’attività sia concentrata a Pechino, che nel 2003 ha ospitato la prima Biennale Internazionale d’arte di Pechino, consacrando la città come un’importante meta nel mondo dell’arte.

Il centro artistico della capitale cinese è senza dubbio il quartiere dell’arte di Pechino, conosciuto come 798 o Dashanzi. Quest’area, oggi considerata una delle attrazioni culturali di Pechino, era un tempo la sede di fabbriche dell’industria elettronica e delle munizioni. All’inizio degli anni Novanta gli artisti cinesi del posto  iniziarono a riunirsi in questa zona e a tenere delle mostre non ufficiali nella sala di una fabbrica. Questa sala fu presto trasformata in una delle gallerie d’arte più famose di Pechino, lo Spazio 798. L’odierno Dashanzi ospita oltre 70 gallerie d’arte, che si mescolano a piccoli negozi di abbigliamento cinese e occidentale, a ristoranti e ad un negozio di libri d’arte internazionali. Se amate l’arte, alla vostra vacanza a Pechino non può mancare un tour delle gallerie della città.

Ecco allora una lista delle gallerie d’arte più famose di Pechino:

1. Spazio 798

Quest’enorme galleria d’arte è ospitata all’interno dell’antica fabbrica 798, che da il nome al distretto dell’arte di Dashanzi. Lo Spazio 798 non si limita solo ad eventi artistici, ma ospita anche diversi forum, esposizioni multimediali, sfilate di moda, conferenze, concerti e spettacoli di danza, assieme alle mostre di mobili e oggetti di design.

2. Art Scene Beijing

Situata nel distretto 789/Dashanzi, mira a promuovere le opere divertenti e colorate di artisti cinesi affermati ed emergenti. L’Art Scene vanta una sede anche a Shanghai, l’Art Scene Shanghai.

3. Red Gate Gallery

La Red Gate Gallery è una delle gallerie d’arte più antiche di Pechino, creata dall’australiano Brian Wallace. La galleria, aperta tutti i giorni della settimana, offre un’ampia collezione di opere inclusi oli e tele, sculture, opere ad inchiostro, litografie e molto altro.

4. Beijing Art Now (BANG)

La Beijing Art Now Gallery, conosciuta anche come BANG, è stata inaugurata nel 2004. Questa galleria si trova all’interno dello Stadio dei lavoratori di Pechino ed ospita le opere di artisti contemporanei cinesi come Zhang Fazhi, Wang Mai, Li Bo e Qin Qi. Aperta dal martedì al sabato, chiusa il lunedì

Alcuni collezionisti d’arte ritengono che il quartiere di Dashanzi sia diventato troppo commerciale e suggeriscono agli esperti del settore di visitare anche il quartiere di Caochangdi situato nelle vicinanze e dotato di nuovi spazi espositivi, come la F2 Gallery.

5. F2 Gallery

Inaugurata nel 2005, si trova all’interno di un delizioso cortile ed espone le opere di artisti promettenti come Cui Xiuwen, Feng Shu e Stella Lai. La galleria è aperta dal martedì alla domenica (chiusa il lunedì), ma le collezioni possono essere visitate solo su appuntamento.

 

Immagine di johnmcga.

Condividi questo articolo:



Lascia un commento

 (obbligatorio)
 (non sarà pubblicata) (obbligatorio)

Perché te lo chiediamo?

destinazione